Integratori alimentari, alimentazione sana: cosa scegliere?

BySuami

Integratori alimentari, alimentazione sana: cosa scegliere?

Integratori alimentari e alimentazione sana svolgono lo stesso compito nell’equilibrio biochimico del corpo umano. La necessità di utilizzare determinate sostanze per prevenire le malattie o aiutarne la guarigione è infatti dovuta alla loro carenza nell’alimentazione quotidiana.

Integratori alimentari e alimentazione sana: carenze

Tale carenza è spesso legata alle caratteristiche organolettiche dei prodotti che oggi consumiamo. In altri casi può esser legata a stili di vita e alimentari errati.
Gli attuali criteri produttivi alimentari portano a costante impoverimento dei suoli, le acque, le produzioni vegetali e le produzioni animali.
La raffinazione dei cibi pone altri problemi. I nutrizionisti e i medici hanno potuto documentare i danni derivati dall’uso di cibi come lo zucchero raffinato o il pane bianco. E se acquistiamo pane integrale, molto spesso acquistiamo pane bianco raffinato a cui è stata aggiunta crusca, con un doppio sforzo produttivo.

Integratori o alimentazione? questo è il dilemma!

Se dovessimo in breve definire le vitamine diremmo che sono sostanze non prodotte dall’organismo, delle quali l’organismo ha bisogno per funzionare bene. Certo è che il consumo di integratori alimentari è comunque un ripiego rispetto ad un’alimentazione sana. Ma in alcuni casi, sono una manna dal cielo.
Da ricordare: assumere gli integratori insieme al pasto, in modo da ricordare che le sostanze assunte sono comunque integrazioni alimentari.
Molte persone oggi assumono determinate sostanze di cui è carente l’alimentazione usuale, perchè fanno bene o perchè ne sono state convinte dalla pubblicità.
Vediamo 10 alimenti/ integratori alimentari che fanno bene e come utilizzarli.


Integratori alimentari da conoscere per vivere sani

integratori alimentari

integratori alimentari: argilla verde 1kg- 19,95€

Argilla proprietà e uso

L’uso dell’argilla sta prendendo sempre più piede nella pratica quotidiana. I suoi effetti positivi sono legati all’apporto di microelementi e ad un’azione antimicrobica e rivitalizzante. Molte culture utilizzano da sempre la terra come rimedio terapeutico. Ogni popolo utilizzava un diverso tipo di terra, tendendo spesso alle soluzioni più argillose. Esistono varie tipologie di argille. Argille bianche, Argille rosse, Argille bruno-rossicce, Argille verdi e Argille rosa.

Le argille verdi sono usate per lo più a scopi medicamentosi ( pelle grassa e acneica per es. ), mentre le argille bianche sono più adate a scopi cosmetici.

In tutte le argille sono presenti i 7 metalli pesanti : argento, ferro, mercurio, oro, piombo, rame e stagno. La loro quantità è così esigua da essere ritenuta “omeopatica”. Costituisce un insieme di oligoelementi molto utili dal punto di vista terapeutico.

Argilla: proprietà

integratori alimentari

Integratori alimentari: 100gr argilla verde – 2,00€

Proprietà antisettica
Questa terra ha la capacità naturale di attrarre ed assorbire le tossine ed i batteri patogeni dalla pelle e dall’intestino e portarseli via con il lavaggio. Ha un alto potere battericida e purificante.
Se usata abbinata all’acqua tipo bagni, fanghi, cataplasmi, impacchi ecc cede alla pelle i suoi preziosi minerali e allo stesso tempo assorbe le tossine ed elimina le cellule morte.

Proprietà assorbente
La struttura micro-molecolare conferisce all’argilla la capacità di assorbire fluidi, odori, gas, sostanza tossiche, veleni. Viene usata infatti in caso di pelli a tendenza acneica per assorbire pus e tossine, purificando i pori della pelle e prevenendo la formazione di brufoli ed imperfezioni.

Proprietà battericida
l’argilla curativa è sterrile cioè totalmente priva di germi microbici. Presenta una lieve radioattività ( assolutamente innocua ) che contrasta i batteri.

Argilla: le proprietà non finiscono qui!

Proprietà cicratizzante
Grazie alle proprietà antibatteriche e assorbenti l’argilla è molto indicata per curare ferite e piaghe. L’argilla inoltre è un trattamento efficacissimo in caso di ustioni e bruciature, in quanto placa il calore della zona colpita ed aiuta la pelle a rigenerarsi in tempi brevi senza lasciare tracce oltre alla sua capacità antibatteria e disinfettante, utili quindi impacchi di argilla fredda nella zona ustionata da fare subito dopo la bruciatura in aggiunta magari di succo di patata o cetriolo.
Per la puntura di insetti basta applicare delle puntine di argilla per far sparire il prurito e normalizzare la pelle.

Proprietà energizzante
ha grandi capacità toniche e riequilibratici nei confronti delle cellule, apporta oligoelementi preziosi per la pelle.

Argilla verde: (montmorillonite)
Ha proprieta’ antinfiammatorie elevate (molto assorbente) e cicatrizzanti. Argilla lievemente alcalina. Molto alto il potassio. E’ l’ argilla che possiede il piu’ elevato valore di CSC (scambio cationico ) . Fra le argille verdi vi sono la Montmorillonite, l’ Attapulgite, l’ Illite, la Bentonite, il Rassoul, la Marina antracite e la Luvos .


Argilla Verde: uso alimentare e cataplasmi

Alla sera, versare un cucchiaino di argilla verde ventilata in un bicchiere e aggiungere la quantità d’acqua di metà bicchiere. Lasciare amalgamare e agire l’argilla in acqua tutta la notte. Bere al mattino, a stomaco vuoto.
Ripetere l’assunzione ogni mattina per 3 mesi alternando un mese di interruzione.
Utilizzare l’argilla verde come cataplasma ponendo il fango sulla parte interessata con uno spessore di mezzo centimetro. Asportare l’argilla quando si secca e non riutilizzarla.

 

Crusca di grano

Viene eliminata da pane e pasta ed è obbligo riequilibrare questa carenza. Non esiste un dosaggio preciso per assumerla come gli altri integratori alimentari. Dipende essenzialmente dal nostro fisico. L’importanza della crusca è dovuta alla sua qualità di spazzino dell’intestino. Pulisce dalle numerose scorie presenti che non causano solo maggiore “pancia” ma possono accentuare la nascita di forme tumorali. 
Importante: non assumere la crusca a secco. Se si assumono barrette di crusca accompagnarle con un bel bicchierone di liquido, per umidificare bene le fibre senza levare liquidi all’organismo.
Potete assumerla sia a stomaco vuoto, che con i pasti. Il miglior modo di riequilibrare l’alimentazione è comunque reintegrarla assumendo cibi integrali.

Leggi l’articolo—-> Cibi Integrali: guida completa


Fermenti lattici

L’integrazione con batteri vivi risveglia nell’organismo alcune capacità di difesa dalle infezioni e reiquilibra alcuni stati fermentativi o putrefattivi dell contenuto intestinale.
Importante: non proseguire l’integrazione oltre i venti giorni per evitare intolleranze. Dopo un mese di sospensione, possiamo comunque reintegrare i fermenti.
L’uso dei fermenti lattici è obbligatorio in concomitanza con l’uso di antibiotici.
Assumere i fermenti lattici lontano dai pasti o l’acidità dello stomaco li distruggerà rapidamente.


 

About the Author

Suami administrator

Suami: amante della natura, i suoi medicamenti e le proprietà di ogni fiore, pianta, foglia, radice, seme,etc...!

Leave a Reply